Charlie, decisione dolorosa ma inevitabile, vergognoso chi specula sulla morte di un bimbo

Charlie, decisione dolorosa ma inevitabile, vergognoso chi specula sulla morte di un bimbo
Il verdetto della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo mi pare sostanzialmente doloroso ma inevitabile: la decisione è stata presa dopo essere stata attentamente esaminata in tre gradi di giudizio dai tribunali britannici, per cui credo che non sia suscettibile di dubbi o interpretazioni fuorvianti. Non solo: la decisione si basa sul parere scientifico di ricercatori, medici e istituti di ricerca che hanno preferito non esporre il piccolo Charlie a un trattamento sperimentale e totalmente inaffidabile, accompagnato da un percorso di dolore, una cura completamente priva di basi scientifiche. In mancanza di un trattamento adeguato, l’unica alternativa è rappresentata purtroppo da una morte dignitosa. In queste ultime ore l’accanimento contro la Corte UE è stato davvero sconcertante: l’atteggiamento di chi specula sulla morte di un bimbo per avere qualche voto in più è semplicemente vergognoso.